La nostra storia

Nuovi contenuti del sito VETIVER ITALIA

Dato l'interesse nato negli ultimi tempi, che si è tramutato in richieste per conferenze, interventi ed opinioni, abbiamo ritenuto necessario dare vita nel sito ad una nuova pagina, immaginata sin dal 2006, in cui fosse possibile vedere piccoli video tutorial informativi sia sulle caratteristiche della pianta che, in un secondo momento, sulle più avanzate tecniche [...]

By | 2015-10-16T20:02:09+00:00 ottobre 16th, 2015|Dicono di noi, La nostra storia|0 Comments

Il lungo viaggio del Vetiver

Il lungo viaggio del vetiver, le prospettive di espansione, le scelte etiche e produttive: tutto ciò nasce da una volontà ben precisa di dare vita e seguito ad un progetto che non è solo legato alla pianta ed al “sistema vetiver” che caratterizza tutta la storia di cui parliamo. Ma, ben più importante, è la [...]

PROSSIMI OBIETTIVI

Il prossimo passo è quello di applicare la fitodepurazione alla produzione di foraggi per allevamento: la prossima settimana sarò dalle parti di Ozieri (Othieri Mannu) per verificare la fattibilità di quest'idea. Il Vetiver è molto apprezzato dagli ovicaprini sebbene in genere preferiscano esaurire tutte le altre varietà di erbe a disposizione, sembra siano piuttosto abitudinari [...]

By | 2006-12-07T10:36:00+00:00 dicembre 7th, 2006|Agricoltura, La nostra storia|0 Comments

SPOSTIAMO TUTTO!

A metà agosto, Domenico, il proprietario del terreno, mi chiede di spostare tutte le piante nella porzione di fondo del terreno, attigua al vivaio, entro le prime piogge, e non entro 6 mesi come da accordi. Io credevo di poter espandere la coltivazione da quella parte in un secondo tempo, quindi lo avevo arato e spietrato [...]

By | 2006-11-14T19:24:00+00:00 novembre 14th, 2006|La nostra storia|0 Comments

FATTI ASSODATI

Le due file abbandonate sono morte. Questo è successo perché avendole propagate a maggio e cioè dopo il risveglio vegetativo, non hanno avuto il tempo di radicare in profondità nel terreno prima che questo inaridisse del tutto. Invece, nel periodo invernale, il terreno è costantemente umido ed evidentemente la sua temperatura non impedisce la crescita [...]

By | 2006-11-13T09:03:00+00:00 novembre 13th, 2006|La nostra storia|0 Comments

PROVA DEL 9

A maggio, in periodo di vegetazione già avviata, mi accingo ad impiantare un nuovo vivaio, in una parcella coltivata a zucca l'estate precedente quindi ben rinettata dalle gramigne. Produco quattro file da 40 metri e le irrigo solo all'atto della piantumazione. Dispongo la concimazione di fondo ad alto titolo di azoto e a lenta cessione. [...]

By | 2006-11-13T08:43:00+00:00 novembre 13th, 2006|La nostra storia|0 Comments

SORPRESA!

Durante l'inverno ho avuto una piacevole sorpresa: quasi tutte le piante della parcella abbandonata che erano state piantumate col metodo del singolo getto (come il riso), sono tornate a farsi notare. Si sono ricavate una nicchia in mezzo alle gramigne, ma non hanno sviluppato un apparato radicale particolarmente robusto. La differenza con l'altro metodo sta [...]

By | 2006-11-13T08:35:00+00:00 novembre 13th, 2006|La nostra storia|0 Comments

Salto di qualità

Alla fine dell'inverno faccio il primo investimento per la produzione: compro un motocoltivatore 12 cavalli con fresa da 60cm Ferrari, quattro marce più retromarcia, quattro tempi a benzina con assolcatore e comincio a vedere prospettive diverse da prima. Le 1000 piante del terzo vivaio prosperano irrigate questa volta da un'ala gocciolante leggerissima che costa 18 centesimi di [...]

By | 2006-11-13T08:24:00+00:00 novembre 13th, 2006|La nostra storia|0 Comments

Perfeziono la tecnica

Spronato dal bel risultato del nuovo vivaio, all'inizio dell'estate mi accingo a preparare un nuovo vivaio di altre 400 piante, seguo lo stesso metodo che prevede l'eliminazione quasi totale dell'apparato radicale ed il taglio della parte aerea a circa 30 cm.Il terreno è già duro come il granito che lo ha generato ma con la [...]

By | 2006-11-13T08:18:00+00:00 novembre 13th, 2006|La nostra storia|0 Comments

Il boom

Quando la temperatura minima scollina stabilmente sopra i 12°C,il terreno un po' povero di frazione organica, un po' asfittico, comincia a gonfiarsi attorno alla base delle propagazioni ed in una settimana esplode una messe di nuovi getti, almeno 8-12 per ogni getto originario, raggiungendo in quel lasso di tempo i 40-50 cm. Non mi par [...]

By | 2006-11-13T08:12:00+00:00 novembre 13th, 2006|La nostra storia|0 Comments